Tag Archives: Roberto Saviano

Countdown -20: Zang, Tumb, Tumb

Countdown -20: Zang, Tumb, Tumb

A ciascuno il suo scoop: grazie ad una fonte fidata, siamo in condizione di riportare la telefonata fra il Presidente del Consiglio e Bruno Vespa nella puntata registrata di Porta a Porta che andrà in onda stasera.

SB – Buona sera dottore.
BV – Buonase….
SB – Non mi interrompa maleducato !
BV – Veramente Presidente, lei sa che la nostra lunga amicizia…
SB – Lei non sa chi sono io ! Io l’ho fatta, io la distruggo, io l’anniento. Maledetti comunisti, froci e amici dei magistrati …

(si sente una voce fuori campo probabilmente attribuibile a Gianni Letta “Silvio, sei in comunicazione con Vespa…”)

SB – Dottor Vespa, che piacere. L’ho chiamata perché sento il dovere di riportare un po’ di calma e di verità in questo teatrino della politica e di spiegare agli italiani il pacchetto di grandi riforme che non veniva approvato dai tempi di Cavour, Giolitti , De Gasperi.
Abbiamo abbassato le tasse, terminato il Ponte sullo Stretto…..aaaghhh, zacc, buum buum.
BV – Non capisco Presidente, ci deve essere stata una interferenza..
SB – aaaggg, spazzato via i rifiuti da Napoli nonostante la Iervolino e da Montecitorio nonostante quel Bocchino là… no Natasha non parlavo con te…. quel Granata, quell’ingrato di Fini, di Casini non ne parliamo.
BV – Capisco Presidente, deve essere un momento difficile.
SB – E proprio ora che finalmente il mondo riconosce la mia grandezza. Mi imitano ovunque. Obama mi dà il 5, Bush mi cita nella biografia come il faro della sua vita, la mia popolarità è superiore a quella di Michael Jackson dopo morto. Ho fatto fare il disarmo a russi e americani, ho vinto la guerra in Iraq e sto vincendo quella in Afghanistan. Ho convinto i cinesi a diminuire di numero….ggruunt, sbbaam sbaam…. fra poco iniziano i lavori per una catena di centri benessere a Ghaza, così mettiamo ordine pure lì. E poi – aaaagh uuuh, Ignazio rimettiti seduto, Denis, Guido quante volte vi ho detto di non trattare quelle faccende a casa mia – adesso ho poco tempo perché ho un invito in dacia da Vladimir, dobbiamo festeggiare un compleanno. Ma tornerò, tornerò presto perché devo presentare al mondo le mie nuove idee per risolvere la crisi: l’abolizione delle tasse per rilanciare la crescita, un programma di lavori pubblici a partire dallo scudo anti-alieni, perché – aaagghh, zum zum bbbaaa – stanno arrivando, stanno arrivando gli alieni a mettere le mani nelle vostre tasche e io so chi li manda, sono i comunisti, quelli veri e quelli travestiti, Vendola, Bersani, Tabacci, aaggghhh…

(si sente rumore di vetri infranti e tramestìo di sedie, poi voci concitate. Al telefono arriva Gianni Letta)
 

GL – Dottor Vespa buonasera. Mi scuso anche a nome del Presidente ma ha avuto un impegno improvviso…

 


Il martedi, prima giornata dei lavori parlamentari, la fantasia dei politici, freschi dopo il finesettimana, dà il suo meglio. La giornata è in genere ricca di colpi di scena. Il mercoledi, qualcuno la spara ancora più alta, qualcun altro gestisce le conseguenze di ciò che ha sparato. Il giovedi, entrano in scena pontieri, mediatori e commentatori. Il venerdi, si preparano le assemblee del fine settimana per imbastire il canovaccio di quella successiva.
Tra le highlights della giornata vanno segnalate:
il plateale bacio in bocca in Aula fra Alessandra Mussolini e Nicola Cosentino che suggella l’alleanza politica anti-Carfagna, le interviste di Mara Carfagna che rallenta sulle dimissioni sentendosi vicina ad un riconoscimento delle proprie ragioni, l’annuncio tv di un nuovo ennesimo “piano per il Sud” del primo ministro, i boatos riguardo a possibili colpi di scena da parte del Governo prima del voto del 14 dicembre (dimissioni pilotate con reincarico e apertura all’Udc), una frenata dell’Udc su una mozione di censura in Commissione di Vigilanza sul tg di Minzolini, l’attacco di Travaglio a Saviano dopo che i record di ascolti di Rai3 rischiano di oscurare il ruolo di grillo parlante del travaglio nazionale, il Pd che discute del sindaco di Torino, Bersani che chiede a Vandola di smettere con questo ritornello delle primarie..

Nel frattempo, nel mondo esterno, si spara fra Corea del Nord (cioè un’autocrazia in declino quasi dotata dell’arma nucleare) e Corea del Sud, e il progetto Euro balla dopo l’appello denuncia del Cancelliere Merkel a seguito degli sforzi europei/tedeschi destinati a difendere l’economia irlandese (deficit al 32% del Pil) dall’assalto della speculazione internazionale.

Ma Cicchitto e Quagliarello che ne penseranno ?…

Saviano cittadino di Firenze

Saviano cittadino di Firenze

Grande soddisfazione per la mozione approvata all’unaminità dal Consiglio Comunale di Firenze per la cittadinanza onoraria a Roberto Saviano e per il successo che sta continuando ad avere la causa su Facebook.

Le città italiane possono così unirsi in una grande battaglia di libertà, a difesa di uno scrittore costretto a vivere senza cittadinanza.

Firenze per Roberto Saviano

Firenze per Roberto Saviano

La mobilitazione per Roberto Saviano cresce di ora in ora. L’appello dei premi Nobel, le firme sul sito Repubblica.it, l’opinione pubblica sempre più sensibile. La camorra non è solo a Casal di Principe: basta leggere le pagine di Gomorra o le cronache sulle infiltrazioni e le connessioni della criminalità internazionale anche nelle altre regioni italiane e a livello internazionale.

Il caso di Roberto Saviano è ben spiegato in questo sito: www.robertosaviano.it

Condivido la proposta di Alberto Formigli, capogruppo del Pd a Palazzo Vecchio, di concedere la cittadinanza onoraria a Saviano. Chi lotta per un’idea non va mai lasciato solo… Per questo ho lanciato una causa su facebook: “Firenze per Roberto Saviano”. Per aderire alla causa, clicca qui