Tag Archives: Facebook

Il bello (e il brutto) del virtuale

Il bello (e il brutto) del virtuale

Credo molto al contatto diretto con le persone, per questo sto girando come un matto, e non vi dico la gioia nel vedere il Saschall stracolmo e l’emozione di stringere tante mani, di raccogliere consigli, critiche, incoraggiamenti.
E’ innegabile che, in questa campagna elettorale, anche il “virtuale” gioca la sua parte. Questo blog ne è la dimostrazione: quasi 100mila visite in due mesi e mezzo, un crescendo entusiasmante giorno per giorno (ormai tocchiamo quotidianamente le 2000 visite uniche), con un picco nell’ultimo fine settimana, dopo la pubblicazione dell’intervento del 16 gennaio: tra sabato e domenica abbiamo raggiunto la cifra sbalorditiva di 9000 visitatori, novemila cittadini che volevano conoscere il mio programma per il futuro della nostra città.

Con l’intensificarsi delle visite, aumentano ovviamente anche le email, i commenti sul blog, i messaggi (anche su Facebook). Mi scuso per le risposte tardive: nelle prime settimane di campagna elettorale riuscivo a reggere il ritmo, ma ora passo moltissimo tempo in giro e pochissimo al computer. Chiedo pazienza.
Di certo le nuove tecnologie ci consentono di tenere aperto un canale di comunicazione nuovo e (quando possibile) quasi in tempo reale.
Per chi usa l’iPhone o cellulari che vanno su internet, abbiamo creato anche una versione speciale per visualizzare al meglio queste pagine. Fin qui il bello del virtuale.

Ma c’è anche un lato brutto del virtuale: da qualche giorno questo blog (che è democraticamente aperto a tutti, anche ai commenti critici) e il mio profilo su Facebook sono oggetto di “attacchi informatici” da parte di alias palesemente falsi ed eccessivamente faziosi, riconducibili ad indirizzi IP di gestori mobili o di uffici. Se la cosa prosegue, sarò costretto a segnalare il fatto alla Polizia Postale.
Certi comportamenti destano amarezza, ma non mi fanno cambiare idea sull’importanza di tenere aperti i canali di comunicazione con tutti, virtuali e soprattutto reali.
A presto.
Lapo

Punto a una Firenze “2punto0″

Punto a una Firenze “2punto0″

logo_firenze20Amministrare una città come Firenze è affascinante, ma – senza dubbio – assai complesso. Dobbiamo cercare soluzioni innovative. Mentre tutto evolve, il Comune non può restare fermo; per questo è necessario dare a Firenze una nuova versione, è tempo di passare a una “Firenze duePUNTOzero”.

I frequentatori del web – e anche molti lettori di questo blog – conoscono bene che significa l’espressione ‘2.0’: indica una evoluzione di internet grazie ad applicazioni online che puntano su una forte interazione sito-utente.

“Firenze 2.0″ significa pensare a nuove modalità di partecipazione dei cittadini all’amministrazione della città. Serve un sistema che rappresenti un modo nuovo di dialogare con i cittadini, dove ogni fiorentino possa portare concretamente il proprio contributo.

Più ascolto ai cittadini, più interazione – con una sorta di “florencebook”, una versione locale del popolarissimo facebook -, e soprattutto più servizi on-line, rapidi, comodi, efficaci, possibilmente semplici in modo che siano utilizzabili anche da chi ha poca dimestichezza con le tecnologie.

Avremo un assaggio di interattività inedita con le immagini al Saschall in occasione dell’evento “Firenze cambia musica. Punto”, domenica 11 gennaio dalle 17 fino alle 2 di notte (protagonista sarà la musica, con concerti dal vivo di gruppi affermati ed emergenti, ma il video interattivo è assolutamente da non perdere).

Di “Firenze 2.0″ parleremo meglio venerdì 16 gennaio alle 21 al Saschall, quanto approfondiremo il programma per Firenze… punto per punto.

Firenze per Roberto Saviano

Firenze per Roberto Saviano

La mobilitazione per Roberto Saviano cresce di ora in ora. L’appello dei premi Nobel, le firme sul sito Repubblica.it, l’opinione pubblica sempre più sensibile. La camorra non è solo a Casal di Principe: basta leggere le pagine di Gomorra o le cronache sulle infiltrazioni e le connessioni della criminalità internazionale anche nelle altre regioni italiane e a livello internazionale.

Il caso di Roberto Saviano è ben spiegato in questo sito: www.robertosaviano.it

Condivido la proposta di Alberto Formigli, capogruppo del Pd a Palazzo Vecchio, di concedere la cittadinanza onoraria a Saviano. Chi lotta per un’idea non va mai lasciato solo… Per questo ho lanciato una causa su facebook: “Firenze per Roberto Saviano”. Per aderire alla causa, clicca qui